Digital Marketing

Quando è la user experience a determinare il successo di un sito web

Cos'è la user experience e come può determinare il successo di un sito web. Nell'articolo consigli e tecniche che contribuiscono ad dare una UX positiva.

La user experience è il punto di partenza per creare un sito di successo: prestarvi poca attenzione determinerà fin da subito il futuro del vostro sito web.

Non vogliamo spaventarvi, ma cercare di dare la giusta importanza a questa disciplina che fin troppe volte viene relegata in un angolo e sottovalutata. Con conseguenze talvolta non positive.

Cos’è la user experience?

La normativa ISO 9241-210 definisce la user experience, o esperienza d’uso, come “le percezioni e le reazioni di un utente che derivano dall’uso o dall’aspettativa d’uso di un prodotto, sistema o servizio”.

In altre parole, consiste nell'esperienza che un utente prova quando interagisce con un qualsiasi prodotto di design, che sia fisico o digitale.

In questo articolo andiamo ad analizzare l’importanza della user experience nella creazione di siti web, quali aspetti bisogna tenere maggiormente in considerazione e quali tool utilizzare per rendere un sito web funzionale ed assicurarne il successo.

Il sito web, ovvero come un'azienda si presenta al pubblico

Se consideriamo il sito web come la vetrina di un’azienda, ci aspettiamo che sia chiara, accogliente, e che faccia capire chiaramente al pubblico l’identità dell’azienda, cosa fa, cosa può offrire. Una sorta di biglietto da visita.

Ecco che la user experience, o abbreviata in UX, si presenta come quella serie di sensazioni, emozioni, pensieri che l’utente prova nell'interazione con l’azienda. È la reazione del pubblico al biglietto da visita che si trova davanti, a quello che può vedere, leggere, carpire.

Quindi si tratta di un concetto molto ampio, articolato, ma che non ha regole ferree ben precise. È un metodo che ruota attorno ad un concetto chiave: facilitare l’esperienza d’uso e l’interazione tra cliente e azienda. Il tutto volto all'obiettivo finale di fidelizzare gli utenti.

La user experience per facilitare l’interazione tra cliente e azienda

Se la UX riguarda l’esperienza, e quindi tutte le sensazioni ed emozioni che gli utenti provano quando visitano un sito web, va da se che si tratta di aspetti molto soggettivi e mutabili.

L’esperienza che ogni singolo utente prova durante la navigazione su un sito web è personale e diversa da quella di qualsiasi altra persona. Diventa quindi importante mettere al centro della progettazione del sito i clienti stessi. Da questo punto di partenza bisogna poi andare a sviluppare un’interfaccia ed un’architettura che sappiano rispondere al meglio alle esigenze del proprio pubblico. È chiaro che soddisfare ogni singola esigenza di ogni singolo utente è pressoché impossibile, ma bisogna avere una mentalità dinamica. Con la consapevolezza ulteriore che come le esigenze di un utente sono diverse da quelle di qualsiasi altro, lo stesso quelle di ogni singola persona possono variare nel tempo a seconda di una infinità di variabili.

In questo senso la user experience è un processo ampio, articolato e in continuo cambiamento. Lo sviluppo di un sito web è una cosa che non ha mai fine.  Apportare modifiche, migliorie, rinnovamenti in base ai propri clienti è profittevole perché assicura sempre un ottimo rapporto tra le aspettative e le soddisfazioni dei clienti.

Puntando su una buona user experience, due sono i benefici principali che un’azienda può ottenere:

  • Nel presente, si offre un’interazione positiva al cliente. Sviluppando un sito web che sappia rispondere alle esigenze dei clienti, si da un riscontro positivo alle loro aspettative e si stimolano visite successive.
  • Nel lungo termine, di conseguenza, aumentano i clienti di ritorno e si costruisce un rapporto azienda/cliente di fedeltà, tanto da arrivare ad instaurare una relazione continuativa nel tempo.

Come pensare la presenza di un’azienda sul web

Sviluppare il sito web di un’azienda è un’attività che va ben studiata e che deve tenere in considerazione molteplici aspetti. Solitamente, soprattutto per chi non è del settore, il dettaglio più importante risulta essere la veste grafica ed estetica.

In un progetto che vuole assicurare una buona UX agli utenti, la grafica è uno tra gli ultimi tasselli da considerare!

Per progettare un sito web che abbia successo, è necessario creare una strategia e definire un obiettivo ben preciso per passare, successivamente, alla fase di ideazione e sviluppo della struttura e dell’aspetto. In ciascuna di queste fasi di sviluppo, il minimo comun denominatore dev’essere il proprio pubblico di riferimento: va effettuata un’analisi preliminare dei propri utenti, dei loro bisogni ed interessi, dei problemi che potrebbero avere o riscontrare con la nostra azienda, insomma comprendere a 360° il pubblico cui ci si va a rivolgere. Una volta individuati tutti i punti di forza e le eventuali problematiche, va progettata una strategia ed una struttura che sappia dare delle soluzioni efficaci a quanto riscontrato.

In questo modo, considerando come fulcro di un progetto le persone, si ha la consapevolezza di realizzare un prodotto che realmente possa rispondere alle aspettative e soddisfare le loro necessità.

Pertanto, se parliamo di user experience, non ci si riferisce solo all'interazione che avviene a posteriori, quando un utente visita un sito web, ma bisogna considerarla come un processo che ha inizio fin dall'idea stessa di sviluppare un sito. Ricollegandoci a quanto detto prima, la UX è dunque un processo che comincia con l’analisi dello scenario e del pubblico, lo sviluppo della strategia e della struttura, per sfociare, infine, nella visita del sito web stesso. È un percorso, e come tale è formato da varie tappe che concorrono in egual maniera a determinare l’esperienza finale che il visitatore proverà visitando il sito.


Non esiste user experience senza responsività e usabilità

Da un punto di vista più tecnico, tanti sono i fattori che concorrono a determinare una buona user experience. Primo tra tutti, la responsitivà del sito web: data l’altissima diffusione dei dispositivi mobile, diventa caratteristica inevitabile realizzare un sito responsive che sia in grado di adattarsi a qualsiasi device utilizzato. Assicurare un’esperienza positiva sia da desktop che da mobile è il primo fattore che determina la presenza online di un’azienda.

Per proseguire, vanno poi menzionate usabilità e grafica.

L’usabilità, secondo la normativa ISO 9241-11, è “il grado di efficacia, efficienza e soddisfazione con cui l’uomo interagisce con la macchina”. Dove con efficacia si intende la capacità di raggiungere o meno l’obiettivo di navigazione in modo corretto o completo, con efficienza quanto sforzo cognitivo è necessario per raggiungere l’efficacia, e con soddisfazione, il livello di gradimento che i visitatori provano durante e al termine dell’interazione in base alle loro aspettative.

L’usabilità è quindi un ausilio alla progettazione di un sito web che vuole garantire una buona user experience. Bisogna poi saper trovare il giusto equilibrio tra l’usabilità di un sito e l’aspetto grafico. Perché, anche se l’aspetto estetico è uno tra gli ultimi tasselli da considerare, come abbiamo detto in precedenza, gioca un ruolo fondamentale nel determinare la piacevolezza e il gradimento di un sito agli occhi dei visitatori. Quindi riuscire ad assicurare la facilità di utilizzo in un contenitore accattivante e bello alla vista, contribuisce sicuramente ad una user experience positiva.

Strumenti per analizzare e migliorare la UX

User experience, usabilità, grafica, web design, sono tutti aspetti molto soggettivi e variabili nel tempo. Con una costante analisi del proprio pubblico, della propria attività, delle reazioni degli utenti al sito, si possono apportare continue migliorie, innovazioni. L’importante è saper ascoltare e rispondere a ciò che il mondo là fuori ci chiede.

Per concludere, riportiamo un’infografica realizzata da Conversion Rate Experts, in cui troviamo alcuni consigli per capire il comportamento di visitatori e clienti su un sito web e i motivi che li portano all’abbandono dello stesso. Noi vi lasciamo alcuni spunti, ma a questo link trovate l’infografica con tutte le informazioni complete.

Analizzare come i visitatori interagiscono con il vostro sito:

una volta che il visitatore giunge sul vostro sito, non vi piacerebbe sapere cosa guarda, come si comporta? Questi dati si possono ottenere attraverso:

  • strumenti di web analytics, che forniscono informazioni sulla navigazione
  • mappe di calore e tool di registrazione di sessione, mostrano le aree del sito più cliccate, quelle meno visitate e, soprattutto, registrato in un video estremamente preciso il percorso che ogni singolo utente intraprende visitando il sito web.

Analizzare le informazioni già presenti in rete in merito al vostro settore di riferimento:

Scoprire cosa è già stato fatto, cosa stanno facendo i competitor e come reagisce il pubblico del settore di riferimento fornisce delle linee guida utili per lo sviluppo del proprio progetto.

Utilizzare tecniche di marketing tradizionali:

Mondo online ed offline si influenzano molto; pertanto cambiare punto di vista e analizzare la situazione dalla realtà offline permette di notare aspetti, dettagli o situazioni che possono andare ad influenzare, sia positivamente che negativamente, la propria presenza online. Una tecnica interessante è quella di immedesimarsi o interpellare un sales account o addetto alle vendite per capire appieno uno o più consumatori attraverso il punto di vista di chi ci ha a che fare quotidianamente.

Ottenere feedback per grafica e design del sito:

L’aspetto estetico di un sito web è uno dei fattori che influenza l’esperienza degli utenti; fare degli A/B test su diverse personalizzazioni, o utilizzare tool appositi che diano feedback sulla veste grafica del proprio sito, è utile per testare la creatività prima che venga definita o che venga sviluppato il codice definitivo vero e proprio.

Fare degli user test:

Coinvolgere degli utenti, esperti e non, per testare il proprio sito web è forse la tecnica più importante. Per chi visita per la prima volta un sito è molto più semplice individuare eventuali errori che, a chi ne ha curato lo sviluppo, possono sfuggire per abitudine. Come ausilio a questa tecnica si possono utilizzare tool di eyetacking, con cui si può tracciare il percorso visivo che l’utente compie visitando il sito. Più feedback si ottengono, più è possibile individuare errori e migliorare il proprio sito web.

Coinvolgere gli utenti con sondaggi:

L’opinione degli utenti e clienti gioca un ruolo chiave per un’azienda. Tanto in fase di progettazione e sviluppo di un sito, tanto per il mantenimento e miglioramento nel tempo. Dare la possibilità ai visitatori di rispondere ad un sondaggio li rende, innanzitutto, più partecipi alla realtà aziendale e, inoltre, permette di sapere il loro punto di vista, eventuali consigli o critiche, necessità di cui hanno bisogno, desideri. Ascoltare la loro voce diretta, benché in forma anonima, è utilissimo perché fornisce dati reale e sinceri.

Incoraggiare gli utenti ad una comunicazione one2one:

Dare la possibilità ai visitatori di contattarvi direttamente, con diversi mezzi, che sia una live chat o un numero diretto/numero verde, stimola ad instaurare una relazione cliente/azienda di fiducia.


E voi cosa ne pensate? Scriveteci qui!

Loading Studium Group Site
Contattaci